martedì 6 ottobre 2015

La proprietà privata secondo Papa Luciani



“La proprietà privata per nessuno è un diritto inalienabile ed assoluto. Nessuno ha la prerogativa di poter usare esclusivamente dei beni in suo vantaggio oltre il bisogno quando ci sono quelli che muoiono per non aver niente, – son parole gravi – se non altro alla luce di queste parole non solo le nazioni, ma anche noi privati, specialmente noi di chiesa, dobbiamo chiederci: abbiamo veramente compiuto il precetto di Gesù, che ha detto: Ama il prossimo tuo come te stesso”.
Papa Luciani nell’Angelus del 27 settembre 1978, a due giorni dalla sua misteriosa dipartita, riferendosi al passo seguente:
– La proprietà –
23. «Se qualcuno, in possesso delle ricchezze che offre il mondo, vede il suo fratello nella necessità e chiude a lui le sue viscere, come potrebbe l’amore di Dio abitare in lui?» (1Gv 3,17). Si sa con quale fermezza i padri della chiesa hanno precisato quale debba essere l’atteggiamento di coloro che posseggono nei confronti di coloro che sono nel bisogno: «Non è del tuo avere, afferma sant’Ambrogio, che tu fai dono al povero; tu non fai che rendergli ciò che gli appartiene. Poiché è quel che è dato in comune per l’uso di tutti, ciò che tu ti annetti. La terra è data a tutti, e non solamente ai ricchi». È come dire che la proprietà privata non costituisce per alcuno un diritto incondizionato e assoluto. Nessuno è autorizzato a riservare a suo uso esclusivo ciò che supera il suo bisogno, quando gli altri mancano del necessario. In una parola, «il diritto di proprietà non deve mai esercitarsi a detrimento dell’utilità comune, secondo la dottrina tradizionale dei padri della chiesa e dei grandi teologi». Ove intervenga un conflitto «tra diritti privati acquisiti ed esigenze comunitarie primordiali», spetta ai poteri pubblici «adoperarsi a risolverlo, con l’attiva partecipazione delle persone e dei gruppi sociali».
Tratto dall’enciclica “Populorum Progressio – Lo sviluppo dei popoli” di Paolo VI risalente al 26 marzo 1967
Dedicato in primo luogo a me stesso, poichè ignoravo l’esistenza di tali preziosi messaggi, ma anche a tutti i sacerdoti, con i quali ci si può trovare in disaccordo, ma che giornalmente dedicano il loro impegno al bene del mondo.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page