mercoledì 14 gennaio 2015

M5S: per combattere l'usura, partire da S.Antonio e papa Francesco

Usura bancaria, Nesci e D'Incà (M5S): per contrastarla partire da S. Antonio e da papa Francesco
13 gennaio 2015
http://www.newz.it/2015/01/13/usura-bancaria-nesci-e-dinca-m5s-per-contrastarla-partire-da-s-antonio-e-da-papa-francesco/221732/

L'usura bancaria va contrastata in parlamento con azioni concrete ed efficaci». Lo dichiarano i deputati M5s Dalila Nesci e Federico D'Incà, rilanciando la messa del 17 gennaio prossimo nella basilica sant'Antonio di Padova, patrono degli usurati, prevista alle ore 11 a sostegno delle vittime di abusi bancari, anche morti suicidi, e delle loro famiglie.
La funzione religiosa, promossa da Confedercontribuenti Veneto, sarà celebrata da don Enrico Torta, parroco di Dese (VE) attivo contro l'usura bancaria, reato che ritiene «un omicidio lento giustificato dallo Stato».

Nesci, che si batte per il ritorno allo Stato delle quote della Banca d'Italia, è l'ideatrice di una proposta di legge per istituire una commissione parlamentare d'inchiesta sui crimini delle banche.

 I due parlamentari Cinque stelle sottolineano: «Non si può parlare di rilancio delle attività produttive, se non si reprime l'usura bancaria, diffusa in tutta Italia e causa di struggente disperazione. L'usura delle banche produce furti milionari a danno delle imprese e del lavoro, con conseguenze devastanti sul piano sociale e per il futuro comune». I due deputati aggiungono: «Per costruire un fronte comune è importante partire dal monito contro l'usura lanciato da papa Francesco e dall'imminente raccoglimento nella basilica di sant'Antonio, che ai suoi tempi denunciò il grave male con coraggio e parola profetica, accusando soprattutto i potenti».

Nesci e D'Incà concludono: «La battaglia parlamentare del Movimento cinque stelle proseguirà insieme alle associazioni, ai movimenti e alle coscienze che vogliano impegnarsi contro l'usura e gli altri crimini delle banche, la cui attività necessita di regole nuove e stringenti».

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page